lunedì 30 dicembre 2013

2014 : la luce della speranza

E' stato un altro anno difficile, molto difficile e ancora la luce in fondo al tunnel della speranza non si intravede nonostante che gli addetti ai lavori riescano ad avere visioni diverse da noi comuni mortali.
E' stato un anno che ci ha riservato ancora tante amarezze e per molti è stato veramente difficile far quadrare i conti e mettere un piatto a tavola.

Con la scusa della crisi in molte realtà lavorative si è tornati all'assenza dei diritti, ai ricatti, ai pagamenti differiti e ulteriormente ridotti.
Le statistiche proprio oggi pubblicate confermano la realtà che abbiamo sotto gli occhi in particolare al sud che ogni giorno vede partire decine di persone, in prevalenza giovani, diplomati, laureati come quei tanti che ho incontrato in queste settimane in Florida, nei bar, nei ristoranti a servire ai tavoli in attesa di una sistemazione più idonea al loro corso di studi ed ai loro sogni.
Stiamo vivendo una emigrazione come quella dei nostri nonni di qualche decennio fa, unica differenza non più la valigia di cartone ma il set di valige di false grandi firme.
L'unica luce che l'anno ormai alle spalle ci ha fatto intravedere è quella di Papa Francesco che in nove mesi ha fatto seguire i fatti alle parole con una ferma volontà di rinnovamento che fa ben sperare chi ha a cuore la vera Chiesa del Vangelo e fa tanto soffrire quanti hanno una visione distorta e burocratizzata di una Chiesa che non ci appartiene.
Nella nostra piccola realtà, quella di San Carlo alle Mortelle, ci hanno lasciato persone a noi care legate alla nostra storia che hanno, però, impresso le loro tracce nella nostra memoria e nella nostra vita.
Il 2013 ci ha riservato anche qualche gioia come le buone notizie che costantemente ricevo dall'amico Paolo, di cui abbiamo parlato nei mesi scorsi, e che con la sua grande energia e la grande carica di Fede è capace di diffondersi tra i tantissimi che gli vogliono bene e che seguono l'evoluzione positiva delle sue condizioni di salute e con il quale presto torneremo a parlare.
Per San Carlo alle Mortelle qualcosa timidamente si è mosso ma non come avremmo voluto.
L'anno che tra poche ore farà il suo ingresso, già agli inizi di Gennaio ci vedrà impegnati anche in altra zona dei Quartieri Spagnoli dove cittadini hanno chiesto un supporto per avviare iniziative di riqualificazione e rivalutazione.
Nei primi giorni di Febbraio presenteremo proposte concrete che sottoporremo ai cittadini e successivamente all'Amministrazione e risposte che ci auguriamo avere per iniziative già avviate e per le quali già notizie confortanti ci sono pervenute dall'Assessore alla Cultura Nino Daniele.
Stando agli impegni assunti dal Provveditorato alle Opere Pubbliche, per fine Febbraio dovrebbero cominciare i lavori di ristrutturazione della Chiesa di San Carlo...speriamo bene.

Accogliamo questo nuovo anno con ottimismo e speranza, guardiamo in positivo e rendiamoci parte attiva collaborando, proponendo, pungolando, segnalando e non aspettando sempre che altri si attivino e lo facciano al nostro posto.
A voi tutti, alle vostre famiglie, in particolare ai bambini, agli anziani , agli ammalati, l'augurio di un 2014 colmo di gioia e di speranza.
 

martedì 24 dicembre 2013

Quanno nascette ninno

Quel meraviglioso canto che ha avvolto sempre il nostro Natale sin da piccoli, per intere generazioni da oltre tre secoli, che è Tu scendi dalle stelle , lo abbiamo cantato, insegnato ai nostri figli, cantato in Chiesa, a casa davanti al presepe.
Canto tratto da Quanno nascette ninno scritto da quell'uomo geniale, Dottore della Chiesa, Vescovo, musicista,scrittore,poeta e pittore che fu Sant'Alfonso Maria de'Liguori.
Apprese i primi insegnamenti di pittura dal grande Francesco Solimena.
A soli dodici anni si iscrisse all'Università ed a 16 già praticava la professione d'avvocato, a trenta fu ordinato sacerdote e fondò la Congragazione del Santissimo Redentore..
Nacque a Napoli il 27 Settembre 1696 e morì a Nocera de' Pagani il 1° Agosto 1787. Le sue spoglie riposano nella bella Basilica a lui dedicata in Pagani (Sa).
Con questi splendidi versi auguro a tutti un Natale sereno e di pace e un pensiero particolare a quanti più colpiti dalla crisi economica hanno perso il lavoro, hanno difficoltà a mettere un piatto a tavola, ai carcerati, agli ammalati, agli immigrati, alle vittime della violenza e di tutte le guerre.
Che sia un giorno di Speranza per tutti, nessuno escluso.
                                                                                        voce : Pina Cipriani
Quanno nascette Ninno a Betlemme
era nott' e pareva miezo juorno.
Maje le stelle-lustre e belle
se vedèttero accossí:
e 'a cchiù lucente,
jette a chiammà li Magge alluriente



De pressa se scetajeno l'aucielle
cantanno de na forma tutta nova:
Pe' nsi' 'agrille-co' li strille,
e zombanno 'a ccá e 'a llá:
È nato! È nato!
decévano - lo Dio che nce ha criato! -
Francesco Solimena
 Natività, Lucerna, Galleria Fischer

Co' tutto ch'era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure
Pe' nsi' 'o ffieno sicco e tuosto,
che fuje puosto - sott'a te,
se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette
A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le bignè e ascette ll'uva.
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello - d'uva si' Tu
ca, tutt'ammore,
faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core.
No nc' cerano nnemmice pe la terra,
la pecora pasceva co lione;
co o crapette - se vedette
o liupardo pazzeà;
l'urzo o vitiello,
E co lo lupo 'n pace o pecoriello.
Se rrevotaje 'n somma tutt' o Munno,
lu cielo, a terra, o mare, e tutt' i gente.
Chi dormeva - se senteva
'npiett' o core a pazzeà;
pe la priezza,
E se sonnava pace e contentezza.
Guardavano le ppecore i Pasturi,
e n' Angelo sbrannete cchiù d'o sole.
Comparette - e le dicette:
no ve spaventate no;
contento e riso:
la terra è arreventata Paraviso.
A buie è nato ogge a Bettalemme
du munno l'aspettato Sarvatore.
dint' i panni o trovarrite,
nu nipote - maje sgarrà,
arravugliato,
e dinto a lo Presebbio curicato.
A meliune l'Angiule calate
co chiste se mettenten' a cantare:
Gloria a Dio, pace 'n terra,
nu cchiù guerra - è nato già
lo Rre d'amore,
che dà priezza e pace a ogni core.
Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
e l'uno 'n faccia all'auto diceva:
che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
pe lo golìo
che tengo de vedé sso Ninno Dio.
 Zombanno, comm'a cierve ferute,
correttero i Pasture a la Capanna;
là trovajeno Maria
co Giuseppe e a iogia mia;
e 'n chillo Viso
Provaieno no muorzo e Paraviso.

Restajeno 'ncantare a boccapierte
pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jetanno - lacremanno
nu suspiro pe sfocà,
da dint' o core
Cacciajeno a migliaia atte d'amore.
Co a scusa de donare li presiente
se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
l'azzettaje - comm' a dì,
ca lle mettette
le mmanne 'n capo e li benedicette.
Piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno licenza a la Mamma:
se mangiajeno li pedille
coi vasille - mprimmo, e po'
chelle mannelle,
all'urtemo lo musso ei maschiarelle.
Po' assieme se mettettero a sonare
e a cantá co' ll'Angiule e Maria,
co' na voce - accossí doce,
che Gesù facette: a aa...
E po' chiudette
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.
"Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo;
pe pietá ch'è piccerillo,
viene suonno e non tardá.
Gioja bella de sto core,
vorría suonno arreventare,
doce, doce pe' te fare
ss'uocchie bell' addormentá.
Ma si Tu, p'esser' amato
Te si' fatto Bammeniello,
Sulo Ammore è o sonnariello
che dormire Te pò fá


Ment'è chesto può fa nonna
pe Te st'arma è arza e bona
T'amo t'a...Uh, sta canzona
giá t'ha fatto addobbeá!"

T'amo Dio, bello mio
t'amo Gioja, t'amo, t'a'
Lo 'nfierno solamente e i peccature
'ncocciuse comm'a isso e ostinate
se mettettero appaura,
pecché a scura - vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune.
Io pure sóngo niro peccatore,
ma non boglio èsse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
voglio amare - voglio stá
co Ninno bello
comme nce sta lo voje e l'aseniello.
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co' Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll'aseniello
A buje, uocchie mieje, doje fontane
avite a fá, de lacreme, chiagnenno
pe' lavare - pe' scarfare
li pedilli de Giesù;
chisá, pracato
decesse: Via, ca t'aggio perdonato.

 
Viato a me si aggio 'sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria - speranza mia
ment'io chiagno, prega tu:
penza ca pure
sì fatta mamma de li peccature.




.

lunedì 23 dicembre 2013

Notizie

Ad appena dieci giorni dalla scomparsa della Signora Marcella Patrone, di cui ho dato notizia, se n'è andato anche il marito Matteo Ricciardi, per tanti di noi grande amico e soprattutto grande sostenitore di tante iniziative che videro impegnati tantissimi giovani di San Carlo alle Mortelle.
Oltre che la sua famiglia il suo grande amore per tutta la vita è stato il teatro napoletano al quale ha lasciato diverse commedie scritte ed ancora oggi interpretate da compagnie amatoriali.
Qualche mese fa nell'incontrarlo, mi ricordò una frase del grande Eduardo che a proposito del teatro diceva : Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri, nella vita, recitano male.
E' andato via ad un mese esatto dalla scomparsa di quello che lui riteneva  suo grande amico e persona meritevole di grande stima che è  Franco Alfarano con il quale negli ultimi tempi i rapporti seppur telefonici erano sempre frequenti ed affettuosi.
Nello stringermi all'amico fraterno Andrea e a Rosanna, figli del caro Matteo, ripropongo quanto ebbi a scrivere su questo Blog nel marzo 2011, nell'approssimarsi della ricorrenza dei suoi novant'anni, che egli mi confidò aver apprezzato molto.

 
"L'ho incontrato di recente nella sua casa di San Carlo alle Mortelle al civico 7, al primo piano della palazzina posta in fondo al viale dove un tempo,al piano terra, aveva il suo laboratorio e di fianco c'era una tipografia dalla quale proveniva il suono,il "dolce suono" della rotativa di don Peppino Pisano altro grande galantuomo.La sua abitazione di fianco a quella che tra la fine degli anni '60 e gli inizi dei '70,vide il suo studio trasformarsi in palcoscenico dove molti giovani provavano e riprovavano i consumati copioni delle sue commedie.Non lo vedevo da circa vent'anni, ma sembrava di averlo salutato pochi giorni prima: il suo bel timbro di voce alto, squillante, una energia interiore,una lucidità ed una voglia di trattare argomenti a lui sempre cari,con una capacità critica lontana dai luoghi comuni con un amore speciale che ha segnato gran parte della sua vita: il teatro, quel mondo che Matteo Ricciardi ha imparato ad amare nella sua esperienza di amministratore di compagnie (Molinari-Cafiero-Fumo),come autore di testi per i militari negli anni 1942/43.E' ancora oggi,autore brillante ed ironico nel solco della migliore tradizione del teatro italiano e napoletano testimoniato dalle venticinque opere da lui pubblicate e rappresentate in tutta Italia in particolare da compagnie di giovani attori, alle quali ha sempre guardato con particolare attenzione.Dal 1973 al 1985 ha diretto una scuola di recitazione da lui stesso fondata proprio per sostenere quei giovani che volevano intraprendere la carriera artistica; ha scritto di Pulcinella,Scarpetta,Petito e Viviani,ha realizzato saggi su Angelo Musco,Siciliano,Govi oltre a racconti e favole per bambini...e non solo.Ha scritto anche un'autobiografia non pubblicata (che custodisco gelosamente), testimonianza unica e rara di un modo di raccontarsi con una sincerità non riscontrabile in qualsiasi altra biografia dove non mancano quasi mai le autoassoluzioni e le autoincensazioni; una vita dura, non facile come tutti quelli della sua generazione.A chiusura della prefazione di una sua pubblicazione di alcuni anni fa che ebbi il piacere di scrivere, dissi: "I suoi nuovi lavori e la grande disponibilità nell'offrire la sua esperienza a quanti,conoscendone le non comuni doti di umiltà e altruismo,gli chiedono suggerimenti per mettere in scena i suoi lavori,fanno di Matteo Ricciardi un sicuro punto di riferimento per quanti vogliono imparare ad amare il teatro con il suo stesso entusiasmo che ancora oggi riesce a trasmettere".

mercoledì 18 dicembre 2013

Notizie

".....Ora c’è da aspettarsi che il Papa acceleri la modifica dello statuto della Conferenza Episcopale Italiana e l’elezione del presidente e del segretario. Per il primo incarico è in pole il teologo napoletano Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto e segretario speciale del Sinodo dei vescovi sulla famiglia che si terrà in Vaticano nell’ottobre del 2014. E non è un mistero che sul nome di Forte alla Cei c’è anche la benedizione di Papa Francesco." (Il Fatto.it)
 
Una buona notizia innanzitutto per la Chiesa tutta, una gran bella notizia per quanti di noi riconoscono in Don Bruno il Pastore a servizio della Chiesa ,testimone del Vangelo nell'umiltà e nella vicinanza ai più deboli . 

martedì 17 dicembre 2013

La tombola per gioco e per sopravvivenza


I giorni della prossima settimana e quelli a seguire fino all’Epifania, sono i giorni in cui il gioco della tombola riemerge prepotentemente nelle famiglie napoletane, almeno in quelle dove non viene snobbato o ritenuto poco chic ma qui parlo delle famiglie normali dove alla cena della vigilia ed al pranzo di Natale segue rigorosamente la distribuzione delle cartelle e della porzione di fagioli , ceci o frutta secca di piccole dimensioni per segnare e tenere il conto sui numeri usciti.
Questo gioco nato agli inizi del ‘700  è un po’ quello del Lotto in versione casalinga dove ambi,terni, finalmente vedono la luce anche in casa di chi per anni gioca al bancolotto senza avere la soddisfazione di una seppur minima vincita.
Questo antico gioco che in qualche modo era capace di tenere assieme tutta la famiglia anche dopo il lauto pasto natalizio per momenti di allegria dettati dal susseguirsi dei numeri presi d’’o panaro e letti rigorosamente con il loro significato della smorfia , quasi sempre ripetuto coralmente con i numeri più conosciuti come il 6, 23, 29,78, 90…
Immancabilmente l’ambo già assegnato era seguito da una voce che ripeteva ambo ma perché è già uscito?
Parlo al passato perché non so in quante famiglie ancora viene praticato questo gioco con

l'avvento della tecnologia più avanzata dove si gioca da soli e ci si sente vincitori silenziosi anche con punteggi da guinness senza un sorriso, senza una grassa corale risata.

 
Ma 'o panaro e donna Carmela per l'estrazione quasi settimanale di un cesto con del formaggio, pasta,olio e zucchero, che durava tutto l'anno, altro che gioco, era la riffa per la sopravvivenza dei suoi numerosi figli e quella di Natale era 'o canistro   delle grandi occasioni, perchè il pranzo di Natale non doveva mancare neanche per la sua numerosa famiglia.
 

" Le crastulelle ". A casa mia si usavano e si usano ancora le crastulelle per segnare i numeri sulle cartelle, erano ricavate da piatti "sengati" o "scardati",...si finiva di rompere questi piatti ricavandone tanti pezzetti anche detti "scardulelle". Ne abbiamo conservato un sacchetto da una cinquantina d'anni e ad ogni Natale le tiriamo fuori assieme a vecchie...ingiallite e lacere cartelle che sul retro portano nomi di appartenenza di familiari allora ragazzi o giovani o anziani che ci hanno lasciato questo commovente ricordo, il ricordo di fortunate serate, di vincite di poche lire, di Natali trascorsi insieme sempre sereni e felici...(Costantino Longano)
 
 

 

lunedì 16 dicembre 2013

Notizie

Prenotazione  obbligatoria.
Per prenotare, 3333370769 - 3487333581 – 3271585555 ;
oppure via Mail: info@scionapoli.it ;
oppure tramite messaggio privato su Facebook, indicando cognome, numero di telefono e numero di persone
 
Ancora una volta gli amici di SciòNapoli tornano a San Carlo alle Mortelle dopo le numerose adesioni ottenute con le altre passeggiate organizzate nelle settimane scorse.                             
Sono particolarmente grato agli amici Angela Catini ed Alfonso Pisaniello che hanno accettato la sfida con coraggio ottenendo i meritati consensi.                                                                               
Assieme ad altri amici incontreremo Angela ed Alfonso dopo le festività Natalizie per valutare iniziative simili a supporto anche di altre  per  la valorizzazione dei Quartieri Spagnoli, cuore pulsante della vera Napoli.                                                                                                                                                
 
 
 
 

venerdì 13 dicembre 2013

Notizie

La vita di una comunità è fatta di  quotidianetà, eventi positivi e negativi, notizie buone e cattive.
Ma anche le notizie che si vorrebbe non dare vanno comunicate perchè fa parte della nostra vita, persone che in qualche modo hanno contribuito a far crescere la comunità, persone vissute una vita intera nel quartiere.
 
E' mancata all'affetto dei suoi cari la Signora Marcella Patrone, moglie di Matteo Ricciardi e madre del fraterno amico Andrea e di Rosanna.
 
Alla famiglia la vicinanza e le sentite condoglianze di quanti hanno avuto il piacere di conoscerla e di volerle bene. 

mercoledì 4 dicembre 2013

Addò vere e addò ceca



Le sterili discussioni salottiere sulle classifiche che periodicamente bollano le nostre città affibbiando punteggi e marcandole a vita, senza dubbio una base di verità la riflettono ma inviterei i grandi giudici del Sole 24Ore ad entrare anche nel vivo delle motivazioni che  talvolta portano con faciltà ad alzare la paletta dello 0 avendo paraocchi e tappi nelle orecchie.
 

Accade a Napoli, città ultima in classifica, che il rigore di un Funzionario dello Stato, fa scappare dalla piazza del Plebiscito, le renne imbiancate e luminose facendo terra bruciata per chiunque tenti di accendere una lampadina, una serie luminosa natalizia e non solo...
 
Guai a parlare di concerti e spettacoli nella piazza simbolo di Napoli, nulla si tenti a costo di passare sul suo cadavere.
 
Tuoni e saette, imparino gli Amministratori a muoversi per tempo rispettando carte e scartoffie, fascicoli e pratiche polverose, solo dopo aver inondato di sudore quelle carte forse l'assenso arriverà.
 
Non è la storia di un film, di quei bei cortometraggi che quasi sempre superano per bellezza e contenuti i colossal, è storia di questi giorni.
No a qualsiasi decorazione natalizia, no a qualsiasi tipo di luminarie, no concerti, no spettacoli, sì colonne imbrattate, sì a colonne incartate per nascondere le incivili scritte, sì alle decine di auto in sosta nel palazzo reale, si ai condizionatori d'aria in bella esposizione sulle facciate.
 
Che il Comune non si sia adoperato in tempo per le necessarie autorizzazioni è probabile ma chi è al servizio dello Stato superi la burocrazia non solo quando chiude tutti e due occhi per consentire la sosta negli splendidi giardini del real palazzo o quando dopo le riprese di un film non s'accorge dello scempio lasciato o quando qualche suo collaboratore coltiva basilico e prezzemolo sui gioielli che deve preservare.
 
Burocrazia di cui è  vittima anche la nostra Chiesa di San Carlo alle Mortelle, con fondi stanziati da tempo e ancora tutto tace.
 
Il rigore è più che apprezzabile ma non attui la strategia del Addò vere e addò ceca, che non genera mai un buon servizio alla comunità.
 
Una raccomandazione a quanti amici e conoscenti ed a chiunque ha avuto la bontà di leggere queste righe : se siete di passaggio per piazza del Plebiscito dopo le 17, portate con voi una torcia perchè in piazza si è trasferito 'O campusanto d''e Funtanelle, per i miei amici francesi nei prossimi giorni a Napoli le cimetiére des Fontanelle.

sabato 30 novembre 2013

Riscoprire il cuore di Napoli : Quartieri Spagnoli

Sbaglia chi in  qualunquistiche generalizzazioni ritiene che il nostro tempo sia dominato, tra l'altro, anche da una disaffezione al bene comune, da una presa di distanza da qualsiasi iniziativa si prenda per sensibilizzare l'opinione pubblica a ristabilire principi di partecipazione, di collaborazione con chi democraticamente eletto è preposto alla gestione della cosa pubblica e a tracciare un percorso che ponga fine alla degenerazione della politica e della vita sociale.
 

 Tale convinzione è andata maturando assistendo negli ultimi due,tre anni in città  ad un crescente impegno sia sul piano individuale che nell'associazionismo che difronte ad obiettivi precisi e concreti elabora strategie, prende iniziative, collabora e  fornisce suggerimenti e proposte a chi per dovere istituzionale deve a sua volta dare risposte.
Mi riferisco a singoli cittadini e a quelle associazioni nate da una volontà di costruire, di seguire un processo di elaborazione di contenuti da mettere a disposizione dei cittadini per meglio attuare progetti a servizio della comunità che mai, almeno negli ultimi vent'anni, i partiti, luoghi teoricamente preposti a ciò,non hanno più svolto creando un vuoto sul piano della partecipazione attiva e di supporto all'Amministrazione.
 
UèCap Risveglio cittadino,Sacchetta a chi? Noi per la legalità,  sono solo alcuni dei gruppi che collegati con i cittadini attraverso pagine o siti in rete operano a Napoli concretamente dando un consistente contributo al riscatto della città nonostante in disfattismo di alcuni ed il boicottaggio di altri.


 
L'esperienza che da qualche tempo stiamo vivendo individualmente ma collegati attraverso questo Blog , ci ha visti e ci vede impegnati in alcune iniziative specifiche per una parte della città ma che dimostra la possibilità di raggiungere obiettivi, anche se in maniera faticosa, anche per altri territori dove gruppi di volontari, associazioni in maniera caparbia portano avanti un impegno anche se tra mille difficoltà.
 
Giorni fa con altri amici coinvolti nel tema San Carlo alle Mortelle, siamo stati invitati a partecipare ad una riunione di una costituenda associazione ai quartieri spagnoli, non in una sala con arazzi e comode poltrone ma in una trattoria sui Quartieri Spagnoli, in via Speranzella.
 Una gran voglia di partecipare, di esserci sul territorio per riqualificare zone che meritano di recuperare la memoria culturale e, quindi, l'attenzione dell'Amministrazione, per chi vi abita e per i turisti che sempre più curiosi di conoscere il cuore di quella che poi è la Napoli vera, potrebbero rappresentare una grande opportunità per i giovani, per il lavoro, piccole attività artigianali, ristorazione,visite guidate,etc.
 
Andremo avanti nella speranza di risposte certe e precise che se tarderanno a venire o non ci saranno ne prenderemo atto informando sempre dettagliatamente i cittadini ed in particolare i tanti che lo scorso mese di Settembre hanno voluto testimoniare la loro vicinanza.  

martedì 26 novembre 2013

Consiglio della I^ Municipalità

La partecipazione al Consiglio della  I^ Municipalità tenutosi questa mattina, ci ha fornito l'occasione per comunicare quanto si è fatto e si sta facendo per affrontare alcune problematiche della zona.
 
Il Consiglio non avendo previsto all'ordine del giorno il solo argomento che ci interessava, come in un primo momento comunicatoci, non ha dato la possibilità di un confronto più articolato ma si è limitato ad un brevissimo mio intervento ed a quello dell'amico Ernesto Nocera  nel corso dei quali è stato comunicato di aver incontrato nelle settimane scorse il Provveditore e due dirigenti del Provveditorato alle Opere Pubbliche che hanno assicurato l'avvio dei lavori di consolidamento e ristrutturazione della Chiesa per la fine di Febbraio del prossimo anno.
 
 
 
 
Abbiamo comunicato, inoltre, che per fine Gennaio avrà luogo la presentazione pubblica ai cittadini della zona, di un ipotesi di progetto a cura dell'Arch. Gianni Vigilante, stimato ex Funzionario del Comune, autore di numerosi interventi effettuati in città e al centro della cronaca nelle scorse settimane per la Cassa Armonica nella Villa Comunale cui è seguita la delibera per la completa ristrutturazione della stessa, che generosamente ha dato la propria disponibilità, per un microprogetto di riqualificazione della piazza San Carlo alle Mortelle.
Infine, abbiamo comunicato di aver presentato istanze ai competenti uffici per alcune iniziative già accennate nel precedente articolo,in occasione del centenario della nascita di Antonio Altamura, scrittore e letterato che nacque e visse gran parte della sua vita al civico n°7 della piazza.
 
 
 
Il Presidente della Municipalità ha assicurato un suo incontro e dei capi-gruppo, con il Provveditorato alle OO.PP. per quanto riguarda la Chiesa ed opere di sistemazione e trasformazione della piazza utilizzando risorse previste per l'ordinaria manutenzione oltre ad un intervento presso ASIA per l'eliminazione dei cassonetti dei rifiuti. 

Notizie


Oggi alle ore 12 Consiglio della Municipalità, piazza Santa Maria degli Angeli,1 :prevista la discussione sulle problematiche della zona di San Carlo alle Mortelle
 

 18. 9. 2014 - Centenario nascita Antonio Altamura    -        Presentazione in   Comune, Assessorato alla Cultura dell'istanza per apposizione lapide sulla facciata del fabbricato di piazzetta San Carlo alle Mortelle, 7 dove nacque e visse per lunghi anni  e presentazione alla Commissione Toponomastica del Comune di istanza per la denominazione di una strada della zona allo scrittore e letterato

 
 

PRENOTAZIONI
-3333370769
-3487333581
-3271585555

sabato 23 novembre 2013

Si è spento Franco Alfarano, uomo libero nella Verità

Ci ha lasciati ieri Franco Alfarano. I funerali oggi Sabato 23 alle ore 16,30 in Napoli nella cinquecentesca Chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci, via Veterinaria nei pressi dell'Orto Botanico.

Ci sono persone nella vita di ciascuno di noi che più d'altri hanno segnato il nostro tempo, i nostri giorni migliori, i giorni della nostra gioventù, della nostra formazione.
Per tanti di noi Franco Alfarano è stato il riferimento dei nostri anni dell'impegno ecclesiale, sociale e politico.Negli anni del fiorire delle Comunità di base, nel periodo così detto della Chiesa del dissenso, mai ostacolò il nostro impegno, le nostre iniziative, i nostri volantinaggi, i nostri più che vivaci dibattiti .

Anche lui visse in quegli anni il grande travaglio di una Chiesa gerarchica sempre più chiusa in se stessa, sempre meno aperta al rinnovamento conciliare "...Ma la primavera della Chiesa sfiorì con la morte dell'eccezionale uomo che l'aveva annunciata,Papa Giovanni XXIII...." , così nel suo bel libro Libero...nella Verità Franco Alfarano attraversa tutta la sua vita, la sua metànoia , come amava definire la sua fase di cambiamento, di conversione "...Operare in se stesso una metànoia, significa invece cambiare radicalmente il proprio modo di pensare e,di conseguenza,la propria vita. Non a caso la parola di Dio invita continuamente a convertirsi ed a credere nel Vangelo; a tale scopo utilizza il termine "metànoia"..."

Quando scelse il ritorno allo stato laicale non perse mai il contatto con quanti condivise esperienze esaltanti di Fede, di impegno nel sociale a favore dei più deboli, con i suoi abituali amici per il caffè , in piazza Dante, occasione di discussione, di scambio di idee sui temi di attualità, sul rinnovamento della Chiesa e l'impossibilità di partecipare a quell'appuntamento era motivo di grande dispiacere.

Lo aspettavamo in piazza lo scorso 13 Settembre in occasione dell'incontro organizzato per i quattro anni della chiusura della Chiesa, mi assicurò la sua presenza ma purtroppo non era nelle condizioni fisiche migliori ma seguiva con affetto le vicende di San Carlo alle Mortelle e ad ogni nostro incontro non mancava di informarsi.
Si è spento ieri serenamente senza subire alcun accanimento terapeutico o alcun tipo di forzatura ,proprio come aveva richiesto in una stupenda lettera scritta quando cominciò a comprendere che le sue condizioni fisiche peggioravano, lettera nella quale ha avuto un pensiero per tutti, anche per quanti di noi vissero con lui gli anni di quella esperienza esaltante della nostra Comunità.

Mai parola più adatta come Ci mancherà è più che mai vera e sincera e noi nel suo vivo ricordo e grati per quanto ci ha donato, ci ha insegnato e soprattutto con la sua testiminianza di vita, con la sua incrollabile Fede di Uomini liberi...nella Verità, gli diciamo ancora Grazie Franco.
Alla moglie Maria, ai figli Cecilia e Carlo Maria le nostre sentite condoglianze.
 
Nell'Amore
E' volato in Cielo, è ritornato alla casa del Padre, è tornato nel regno di Dio...quante belle parole per trovare conforto nel difficile e triste momento in cui perdiamo la presenza di una persona cara.
Tuttavia,dovremmo ricordare che il Cielo,il regno,la casa del Padre, tutto ciò che apppartiene totalmente al dominio del Signore, non è lontano, ma vicino a noi tutti.
Dobbiamo renderci sempre consapevoli del fatto che Dio non è dove è il Cielo, ma il cielo è dove è Dio.
Se vuoi veramente percepire e sentire dove si trova Dio, lo troverai unicamente nell'Amore.
Salvo d'Acquisto, Martin Luther King, Madre Teresa di Cacutta,Oscar Romero, e tanti altri, donarono la propria vita per gli uomini.
Dare la propria vita per gli uomini, significa non conoscere più la propria sofferenza ma soffrire quella degli altri, per amore,.
Questo amore è realmente il sangue di Cristo.
(da Libero...nella Verità di Franco Alfarano)

venerdì 22 novembre 2013

Notizie

  
 
I Municipalità
Esame ed approvazione dell'ordine del giorno della Commissione Attività Produttive sull'organizzazione di eventi culturali.2)Esame ed approvazione dell'ordine del giorno della Commissione Urbanistica sul recupero della Cassa Armonica.3)Esame ed approvazione dell'ordine del giorno della Commissione Decentramento e Bilancio sul parere in merito alla rideterminazione delle aliquote IMU.4)Problematiche relative alla zona di San Carlo alle Mortelle.
 
Dall'ordine del giorno del prossimo Consiglio della Municipalità che si terrà Martedì 26 p.v. allo ore 12 pubblicato sul sito, al quarto punto è prevista la discussione sulle problematiche della zona di San Carlo alle Mortelle.
A modifica di quanto comunicatomi, il Consiglio non sarà monotematico ma uno dei quattro punti previsti dall'ordine del giorno.
 
 
Quattro passi alle Mortelle
 
Domenica 1   Dicembre ore 10,30
 
Sabato      21 Dicembre ore 10,30




venerdì 15 novembre 2013

Consiglio della Municipalità su San Carlo alle Mortelle

Ho ricevuto ieri con vivo piacere, comunicazione dall'Avv. Alessandro Librino, Consigliere della I^ Municipalità, Presidente della Commissione Ambiente, di un Consiglio monotematico su San Carlo alle Mortelle convocato per Martedì 26 Novembre p.v. alle ore 12 nell'Aula Consiliare in Piazza Santa Maria degli Angeli,1.
 
Sarà una buona occasione per esporre le problematiche della zona e le iniziative in corso.
 
Qualsiasi suggerimento ulteriore a quanto già più volte avuto  occasione di ascoltare, sarà utile per meglio esporre ai Consiglieri della Municipalità.
 
Pertanto invito chiunque a contattarmi a mezzo email : 22a.salzano@gmail.com entro e non oltre il prossimo giorno 25.
 
Nel ringraziare il Consigliere Librino, invito gli amici, gli abitanti e quanti hanno a cuore la vivibilità ed il recupero della zona di partecipare al Consiglio.

Anonimo, 12 Novembre 2013
grazie Antonio per quello che stai facendo per la Cara San Carlo alle mortelle......luogo pregno di Storia e cultura....
Ma Anonimo12 novembre 2013 16:29
le cosidette...AUTORITA'....dove sono....?????? Municipalità: assente
Politici comunali: passerelle e promesse vane... Cittadini, quasi tutti, :rassegnati...Carabinieri di P.tta Mondragone: e chi li ha visti....???? etc.....Ma il tuo impegno...nonostante tutto...mi infonde fiducia...GRAZIE!!
 
Nei commenti all'articolo "A due settimane dall'incontro in piazzetta" del 5 Ottobre scorso, un anonimo interlocutore ha postato il commento sopra riportato.
Evitando le solite inutili prediche sull'anonimato, che per quanto mi riguarda sono un problema del solo anonimo, desidero brevemente intervenire per ristabilire la verità.
 
Le Autorità interessate sono quelle intervenute all'incontro del 13 Settembre , la Municipalità che fino a quel momento non mi risulta si sia concretamente interessata alla risoluzione anche dei problemi più elementari della zona, era rapprersentata dal Consigliere Avv. Alessandro Librino,Presidente della Commissione Ambiente        che proprio ieri ci ha comunicato ed invitati ad intervenire al prossimo Consiglio monotematico su San Carlo ale mortelle  del 26 Novembre p.v. alle ore 12.              
 
Relativamente alle passerelle mi sembra ingiusto dopo appena due mesi puntare il dito senza aver prima verificato nei fatti gli impegni assunti.
 
Al momento, come riferito nel precedente articolo, in mancanza di una convocazione in Comune per un incontro con i rappresentanti del Provveditorato, ci siamo attivati direttamente evitando così anche il supplizìo di una riunione.
 
A tempo debito andremo a verificare se i fatti saranno tali o soltanto chiacchiere.
 
Per i Carabinieri presenti in piazzetta Mondragone, anche altri abitanti di San Carlo alle Mortelle lamentano la mancata presenza, anche se periodica, in piazza.
 
Ringrazio per le espressioni di fiducia e del “grazie” che non fa mai male.
 
Antonio Salzano