venerdì 31 maggio 2013

Napoli : Largo S.Anna di Palazzo

Dalla rete :
Ecco i 31 progetti per Largo S.Anna di Palazzo a Napoli

Commento  La prossima sarà San Carlo alle Mortelle
Risposta :   Perchè no
Ne sono certo          

domenica 26 maggio 2013

Libero Bovio : 26.5.1942 . 26.5.2013






Canzone scritta da L.Bovio nel 1934 musicata da E.Tagliaferri e N.Valente







    Passione

Cchiù luntana mme staje,
cchiù vicina te sento…
Chisá a chistu mumento
tu a che pienze…che faje!…
Tu mm’hê miso ‘int”e vvéne,
nu veleno ch’è doce…
Comme pesa ‘sta croce
ca trascino pe’ te!…
Te voglio…te penzo…te chiammo…
te veco…te sento…te sonno…
E’ n’anno,
- ce pienze ch’è n’anno -
ca st’uocchie nun ponno
cchiù pace truvá?…
E cammino, cammino…
ma nun saccio addó’ vaco…
I’ stó’ sempe ‘mbriaco
e nun bevo maje vino…
Aggio fatto nu vuto
â Madonna d”a neve:
si mme passa ‘sta freve,
oro e perle lle dó’…
Te voglio…te penzo…te chiammo…
te veco…te sento…te sonno…

E’ n’anno,
- ce pienze ch’è n’anno -
ca st’uocchie nun ponno
cchiù pace truvá?…

giovedì 23 maggio 2013

Eduardo, un cuore che ancora batte


Napoli 24.5.1900 - Roma 31.10.1984

Il mio cuore continuerà a battere anche quando si sarà fermato

Tutto tace e un grido d'allarme


Sono trascorsi i primi cinque mesi dell’anno e la lentezza degli Uffici preposti non ha consentito a tutt’oggi l’inizio dei lavori di consolidamento della Chiesa che determinano anche l’ulteriore stato di abbandono della piazza antistante con interventi tampone davvero squallidi e avulsi da una sistemazione decente complessiva.

In rete, sul sito Facebook, un grido d’allarme, forse esagerato, ma che nessuno può escludere con totale certezza:


In rete, sul sito Facebook, un grido d’allarme, forse esagerato, ma che nessuno può escludere con totale certezza: 

“Oggi faccio il mago e prevedo il futuro... vi dico che prima o poi a Napoli avverrà un disastro con una possibile strage di persone. 
Circa 4 anni fa sprofondava via San Carlo alle Mortelle (la strada che dal corso V.Emanuele, altezza funicolare centrale, scende giù verso il ponte di chiaia), vennero effettuati lavori di consolidamento della strada ma la chiesa, completamente lesionata in maniera molto grave è stata semplicemente chiusa. Con il passaggio delle auto e dei camion, prima o poi crolla tutto perchè a vederla sembra veramente che si mantenga per opera dello Spirito Santo. Si interpelli anche la curia ma si faccia qualcosa, abbatterla o consolidarla perchè poi quando ci saranno le vittime saranno inutili le polemiche.”
Rosario Messina

 Rosario,  è da tempo che cerchiamo di riportare un minimo di vivibilità nella zona e la chiusura della Chiesa dopo l'evento che tu giustamente citi, ha peggiorato il tutto. Da notizie che abbiamo, dovrebbero cominciare i lavori di consolidamento e restauro entro l'anno, le risorse sono state stanziate da tempo ma non ancora erogate. La situazione è grave come tu dici, ma la Soprintendenza ed il Provveditorato alle OO.PP. vanno a rallentatore. Se vuoi puoi leggere i vari interventi andando a ritroso sugli articoli sin'ora pubblicati.Grazie per la collaborazione

Antonio Salzano

mercoledì 15 maggio 2013

Sant'Anna di Palazzo

Ritengo interessante portare a conoscenza degli amici che seguono il Blog , il progetto risultato vincitore per la riqualificazione di piazza Sant'Anna di Palazzo, zona non molto distante da San Carlo alle Mortelle.

video

martedì 14 maggio 2013

Dalle parole ai fatti



Di riqualificazione dei quartieri spagnoli e di tutto il territorio che va fino al Corso Vittorio Emanuele, di tanto in tanto se ne parla per enunciazioni o come uno dei tanti sogni del libro dei desideri.

In un contesto generale di mancanza assoluta di risorse e dove ogni iniziativa realizzata appare come un miracolo, c’è chi ritiene che in attesa di tempi migliori valga la pena metterci la faccia e sfidare l’impossibile.

L’Arch. Gaetano Troncone, consigliere comunale e professionista apprezzato, ha indetto attraverso l’Associazione Studio 147 un concorso per la riqualificazione di piazza S.Anna di Palazzo al quale hanno partecipato 85 tra Architetti ed Ingegneri con 31 progetti che resteranno esposti fino al 20 Maggio  al PAN.

Conoscendo la non comune attenzione che l’Arch.Troncone ha in particolare per i quartieri storici della città, qualche mese fa leggendo dell’iniziativa per S.Anna di Palazzo, gli ho rivolto l’invito per un sopralluogo per verificare la possibilità di uno studio per la riqualificazione della piazza San Carlo alle Mortelle ricevendone una promessa di interessamento.

La riqualificazione della zona, che come altre della città, sono un patrimonio storico che non merita il degrado e l’indifferenza delle Amministrazioni che si sono succedute dal dopoguerra, riqualificazione che significa non solo recupero e conservazione della memoria storica di un territorio ma anche migliore vivibilità per chi vi abita e possibile percorso turistico evitando,così, anche l’ulteriore degenerazione ad opera di soggetti che del territorio ne fanno cosa…loro.

Ben vengano le iniziative come quella dell’Arch.Troncone, capaci una volta tanto di unire la politica con le necessità reali dei cittadini nella speranza che i tempi non siano biblici come quelli che interessano i lavori di consolidamento della Chiesa di San Carlo, vittima delle lungaggini  della burocrazia italiana. 

mercoledì 1 maggio 2013

Era de Maggio




Era de Maggio
(1885 -Salvatore di Giacomo-Mario Pasquale Costa)

Era de maggio e te cadéano 'nzino,a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll'aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávemo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse e io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje?"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
E so' turnato e mo, comm'a 'na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanze a la funtana:
Ll'acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana.
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io so'.
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuo'!
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuo'